La cultura in quarantena: presentazione online del libro “La corsa indiana“ della scrittrice Tereza Boučková

gio 25. 02. 2021 Online Evento

Abbiamo il piacere di annunciare che il nostro prossimo ospite della “Cultura in quarantena“ sarà la scrittrice ceca Tereza Boučková. La presentazione si svolgerà giovedì 25 febbraio alle ore 18 sulla nostra pagina Facebook.

 Interverranno: Tereza Boučková, autrice del libro, Simona Calboli, direttrice del Centro Ceco di Milano ed Alessandro Catalano, boemista e traduttore. Sarà presente anche Carlo Borgogno, libraio della Libreria Milton di Alba. 

Chi é Tereza Boučková?

Nata nel 1957 a Praga e figlia del noto scrittore e drammaturgo Pavel Kohout, appena presa la maturità firmò la Charta 77, precludendosi così definitivamente, già compromessa dall’essere figlia di un dissidente, la possibilità di proseguire gli studi. Ha lavorato come donna delle pulizie, come postina, portiera, cominciando a pubblicare, alla fine degli anni ’80, i propri racconti in riviste samizdat.

Nel 1988 il romanzo "La corsa indiana“ è stato pubblicato per la prima volta in un'edizione samizdat e nel 1990 ha vinto il prestigioso premio letterario "Il Premio Jiří Orten“. Nel 1992 il libro è uscito anche con le illustrazioni di suo fratello Ondřej Kohout. In Italia il romanzo è stato pubblicato dalla casa editrice Miraggi Edizioni e tradotto da Laura Angeloni. Nel repertorio dell‘autrice troviamo anche il romanzo “L’anno del gallo” (Odeon, 2008), il romanzo “La vita è meravigliosa” (Odeon, 2016) ed il libro del viaggio “Bhútán, il mio amore” (Odeon, 2020).

È necessario menzionare che Tereza Boučková è anche autrice di opere teatrali come il dramma “Sodoma komora“ (2003) ed il dramma "La strada“ (2000), costruito secondo il film di Federico Fellini. Lei ha scritto anche la sceneggiatura del film “Smradi” (2002, regia: Zdeněk Tyc) oppure del film “Il paradiso terrestre a prima vista“ (2009, regia: Irena Pavlásková).

La corsa indiana

La storia narrata in prima persona è una prosa vivace, originale e riccamente autobiografica che segue la vita della protagonista dalla nascita fino all’età adulta. Quando l’autrice è la figlia di Pavel Kohout, noto intellettuale dissidente, scrittore e drammaturgo, attivo nel circolo delle persone più in vista dell’underground di quegli anni, una storia autobiografica non è esattamente quel che si dice innocua, specialmente se la narrazione si attiene ai fatti accaduti non risparmiando le personalità più note (nel racconto compare, col soprannome di Monologo, anche l’ex presidente Vaclav Havel che la Boučková ha avuto modo di conoscere da vicino), pur celandole sotto ironici soprannomi. Una scrittura catartica che ripercorre l’infanzia vissuta con la madre Alfa e i due fratelli Luna e Raggio di Sole, dopo che il padre, qui chiamato l’Indiano, li abbandonò per trasferirsi all’estero con Musa, la sua nuova donna, dimostrando verso di loro un disinteresse quasi assoluto. E poi la giovinezza, gliamori e le difficoltà della madre Alfa, il matrimonio, la ricerca disperata di un figlio. Infine l’adozione di due bambini, le gioie e difficoltà della nuova vita, e finalmente, inaspettato, un ventre che germoglia. “Il tuo libro è pieno di rabbia e bugie. Mi auguro che non lo pubblicherai così. Ecco l’Indiano, che dopo dodici anni è tornato a casa”. Ma Tereza Boučková il suo libro lo pubblicò. Esattamente come l’aveva scritto.

Fonte: Miraggi Edizioni


Informazioni sull'evento

  • Titolo: La cultura in quarantena: presentazione online del libro “La corsa indiana“ della scrittrice Tereza Boučková
  • Data: gio 25. 02. 2021
  • Indirizzo: Online Evento

Eventi simili