Česká centra, Czech Centres

Česká centra / Czech centres - logo

Program

19/nov/2016

Incontro con i fumettisti europei nell’ambito di Bookcity a Milano

Alla chiusura della mostra dei fumettisti europei "Disegnare una nuova Europa" (4 -19 novembre 2016) si terrà nell’ambito del Bookcity di Milano un incontro interattivo con degli artisti e illustratori europei selezionati , tra cui l’artista della Repubblica Ceca Toy-Box. Gli artisti europei si sono focalizzati sul tema della portabilità dell'identità culturale e la migrazione, e attraverso il loro lavoro avvicinano al pubblico la complessità di questo problema. Attraverso i fumetti avvicinano il destino delle persone che intraprendono un viaggio sconosciuto verso un nuovo futuro. Nel corso di questo incontro sarà possibile visionare dal vivo il lavoro di alcuni artisti e conoscere a stretto il loro lavoro. In particolare, verranno introdotti i seguenti artisti: Sebastian Oprita (Romania), Jérôme Ruiller (Francia), Claudio Stassi (Italia) e artista ceca Toy-Box. L’incontro si terrà il sabato 19 novembre dalle ore 18 presso l'Institut Francais, Corso Magenta 63 Milano.

Artisti che espongono alla mostra:

Monika Szydłowska è nata a Varsavia e si è laureata in grafica all'Accademia delle Belle Arti (Uniwersytet Artystyczny) di Poznan. Nel 2013 si è trasferita in Scozia, a Edinburgo, dove ha completato il corso di arte terapia e dove attualmente conduce laboratori di arte per persone disabili.  Nell’ottobre del 2013 ha aperto il suo blog Na emigracji,  dove con i suoi disegni racconta con ironia e umorismo le scene della vita quotidiana dei  polacchi  in Gran Bretagna.  Alla fine del 2015  la casa editrice Centrala ha pubblicato queste illustrazioni nel libro “Do You Miss Your Country”?  Il suo profilo Facebook Na emigracji è seguito da oltre 12 mila persone.

Alberto Madrigal, nato in Spagna e trapiantato a Berlino dal 2007, dopo alcune storie brevi e lavori da illustratore freelance, Alberto Madrigal fa il suo esordio nel mondo del fumetto con la sua prima opera lunga nel 2013, quando pubblica Un lavoro vero (Bao Publishing), di cui è autore completo. Attento al tema dell’identità personale nel contesto della società, Madrigal racconta con voce sensibile lo smarrimento e i sogni della sua generazione. Attualmente è al lavoro sul suo secondo libro, di futura pubblicazione sempre per Bao Publishing.

Belga di origini sarde,  Antonio Cossu è un illustratore e sceneggiatore di fumetti. Dal 1980 collabora attraverso storie ed illustrazioni con Le Journal de Spirou ed altre riveste prestigiose come Pilote, Métal Hurlant, Tintin e Circus. Cossu affronta tematiche d’identità con un gusto pronunciato per il noir ed il jazz. Pone uno sguardo acuto ed anticonformista sulle debolezze della nostra società che esprime attraverso una quotidianità fantasy molto personale. Dal 1988, oltre alle sue attività di sceneggiatore-illustratore, insegna disegno fumetto all’Accademia delle Belle Arti di Tournai.

Sebastian Oprita, nato nel 1980 a Deva, Romania si è laureato presso l'Università Nazionale d'Arte di Bucarest – indirizzo grafica e ha conseguito il Dottorato di ricerca in Belle Arti e Arti Decorative presso la stessa Università. E’ illustratore e insegnante da più di 11 anni ed è membro fondatore del Club degli Illustratori della Romania. E’ affascinato alla narrazione visiva e si è prevalentemente dedicato all’illustrazione, alla fotografia e alla stop-motion animation. Ha illustrato per la Pro Editoria e Tipografia Edizioni il libro “Mi piace lo latte seco” della collana “Gatto insieme”. Ha partecipato a numerose mostre con gli amici Illustratori del Club e ha fatto parte della giuria di diversi concorsi UNESCO in Romania.

Larissa Bertonasco (nata nel 1972 nel sud della Germania) ha studiato Illustrazione presso la  HAW di Amburgo. Dal 2003 è libera professionista, ha illustrato numerosi libri e ha lavorato per molte riviste. Insegna, tiene dei workshop, presenta mostre, ed è co-editore e autrice della rivista SPRING fin dalla sua prima pubblicazione.

Shorouk El Hariry (nata nel 1992 al Cairo, Egitto) è la coinquilina di Larissa. Si è trasferita ad Amburgo nel 2014, studia giornalismo e usa la poesia per costruire un ponte tra la sua vita in Europa e la sua patria.

Accomunati dal loro amore per il cibo, la cucina e la conversazione, Larissa e Shorouk hanno trascorso molto tempo insieme confrontandosi sulle loro diverse esperienze dell'essere donne, esperienze plasmate da due diverse culture.

Nato nel 1966 in Madagascar, Jérôme Ruillier ha scritto e illustrato numerosi libri per grandi e piccoli, in cui denuncia l’esclusione dell’altro e invita all’ascolto e alla condivisione. Nel suo graphic novel Se ti chiami Mohamed (edizioni Il Sirente, BD Award 2012 per il miglior fumetto reportage) – ispirato al film e al libro di Yamina Benguigui (Mémoires d'immigrés, l'héritage maghrébin) – ci fa scoprire la storia dell’immigrazione maghrebina attraverso delle testimonianze forti sulla ricerca dell’identità e gli effetti quotidiani del razzismo. Nel 2016 è uscito un nuovo fumetto, L’Etrange (L’Agrume), in cui racconta la vita di un clandestino che ha i tratti di un plantigrado dallo sguardo triste.

Claudio Stassi ha pubblicato per numerosi editori italiani e stranieri: Casterman, Dargaud, Ankama, Rizzoli, Eura, Becco Giallo, Black Velvet, Il Giornalino, Coconino Press. Per Sergio Bonelli Editore ha disegnato episodi delle serie Dylan Dog e Dampyr. Nel 2007 con “Brancaccio, storie di mafia quotidiana”, sceneggiato da Giovanni Di Gregorio, vince il Premio Micheluzzi e il Premio Boscarato per la sceneggiatura. Il suo graphic novel “Per questo mi chiamo Giovanni”, pubblicato da Rizzoli, è già alla terza edizione. Con Luca Enoch realizza nel 2013 “La Banda Stern”, pubblicato anche all’estero in quattro Paesi. Nel 2015 pubblica "Rosario, l'amore e la morte" sceneggiatura di Carlos Sampayo in Italia per Coconino Press.

Toy Box ha studiato scenografia e letteratura a Praga. Le sue illustrazioni hanno radici nella cultura techno e anarchica. Oltre alle illustrazioni e fumetti, dedicati al tema sociale,  l´autrice si dedica allo street art. Il suo desiderio più grande sono le gabbie prive di animali e l’uso dei graffiti al posto della pubblicità. Oltre ai suoi amici le piacciono le gallerie, il cappuccino di soia, il cielo blu, l´odore della vernice spray, i libri e le passeggiate estive con il suo fidanzato e i suoi cani.“Il mio libro Vinnetou” è il suo debutto d´autore; il fumetto, su cui ha lavorato più di tre anni, è stato pubblicato dalla casa editrice Labyrint con la cooperazione di Petr Lubojacký e con il sostegno di tanti donatori minori.

 

Luogo di svolgimento:

Institut Francais, Corso Magenta 63 Milano

Data

19/nov/2016

Organizzatore principale:

Istituto Culturale Ceco è co-organizzatore dell´evento


Ricordare l´evento
L´evento non può essere ricordato perche è già cominciato