Česká centra, Czech Centres

Česká centra / Czech centres - logo

Program

08/nov/2011 19.00 - 30/nov/2011 16.30

La mostra di Patrik Hábl - Ritmi

Questo autunno, l'Istituto Culturale Ceco dedicala una mostra al giovane artista Patrik Hábl e alla sua pittura esclusivamente astratta. Hábl (1975) fa parte degli autori che sono riusciti a guardare oltre le posizioni note e definite, con una tecnica insolitamente lirica. La mostra sarà inagurata l´8 novembre alle ore 19:00 presso l'Istituto Culturale Ceco.

Terezie Zemánková  ha scritto di lui: "La creazione non è per lui un’eccentrica auto-presentazione. Hábl usa il proprio talento per andare umilmente incontro alla sua missione. Patrick Hábl è tra quei giovani artisti di successo, il cui talento e impegno vengono riconosciuti non solo nella Repubblica Ceca, ma anche a livello internzionale. Il nome della mostra in cui l'autore presenta i lavori e le opere degli ultimi 2 anni, "Ritmi", rivela le fonti di ispirazione dell’artista. Packtri Hábl descrive le immagini musicali come segue:
"La musica influenza la percezione degli artisti astratti, che grazie ad essa possono liberarsi della dipendenza dalla realtà.
Il ciclo "Dipinti leggeri e colati giù" è ispirato da variazioni musicali che vanno dal Rinascimento al Barocco, dagli autori classici al romanticismo e al modernismo. Attualmente prevale l'influenza di artisti contemporanei, del jazz e della musica tradizionale.
Lo studio diventa un laboratorio e vedo l'opera come un esperimento per esplorare le possibilità della pittura. I quadri sono delle variazioni su tema e rappresentano la ricerca delle possibilità concesse dal mezzo. Cerco di andare al nucleo in cui nascono le tradizioni popolari, che è il ritmo che ognuno di noi sente dentro di sé. Fonte d’ispirazione per me sono anche i tamburi giapponesi Taiko, che cerco di mischiare e far convivere. Il dipinto è visto come una proiezione del campo dell'immagine che comincia a riflettersi nell'altro, un fenomeno sensoriale, che diventa la struttura lineare di una rete illusoria.
Il campo, che è delimitato da una rete colorata, diventa la costruzione che ancora lega i colori. Proprio come la musica è un sistema organizzato e una selezione di suoni, la struttura ritmica e il modo in cui è arrangiata ne determinano la qualità, la funzione e l'appeal estetico. I dipinti così assumono una struttura organizzata, con una selezione di colori, tele e con una struttura ritmica musicale che causa un'inaspettata e inedita sorte controllata".

Come ha notato nel saggio di Mark Rothko " The Romantics were prompted" (Possibilities, New York, 1947, p. 84): 
 «Lo strumento più importante che l’artista fa suo grazie a una pratica costante è la fede nella sua capacità di produrre miracoli quando ve n’è il bisogno. I quadri devono essere miracolosi: non appena uno è terminato, l’intimità tra la creazione e il creatore è finita. Questi diventa uno spettatore. Il quadro deve essere per lui, come per chiunque altro ne farà esperienza più tardi, una rivelazione, una risoluzione inattesa e inaudita di un bisogno eternamente familiare»

 

 

 

 

 

Luogo di svolgimento:

Via G.B. Morgagni 20
20129 Milano
Italia

Data

Da: 08/nov/2011 19.00
A: 30/nov/2011 16.30

Organizzatore principale:

Centro Ceco


Ricordare l´evento
L´evento non può essere ricordato perche è già cominciato