Česká centra, Czech Centres

Česká centra / Czech centres - logo

Program

10/mag/2012 19.00

Jan Patočka: La superciviltà e il suo conflitto interno", raccolta di scritti filosofico-politici

Il volume, che raccoglie alcuni saggi del filosofo boemo scritti tra gli anni ’50 e gli anni ’70, cerca di portare alla luce la rilevanza autenticamente politica del suo pensiero filosofico. Ignorando questi presupposti fondamentali, infatti, si rischia di fraintendere il significato dell’impegno politico che il filosofo boemo decise di assumere direttamente sulle proprie spalle, aderendo in prima persona all’esperienza del dissenso, in qualità di portavoce di Charta 77, e come fonte di ispirazione di illustri dissidenti, come Václav Havel. Oltre a „ La superciviltà e il suo conflitto interno”, nel volume vengono trattati altri scritti poco conosciuti del filosofo boemo, tra i quali “La razionalità europea e il segreto del mondo” (scritto nel 1974 come preparatorio per la stesura dei “Saggi eretici sulla filosofia della storia”), “L’uomo spirituale e l’intellettuale” (intervento di Jan Patočka, nell’ambito di un seminario privato svoltosi l’11 aprile 1975) e i tre articoli “Che cos’è e che cosa non è Charta 77” – “Perché non vi è modo di divulgare Charta 77” e “quali sono gli espedienti logici della sua deformazione e del suo occultamento - Che cosa possiamo aspettarci da Charta 77”, illustranti il sostegno di Patočka all’iniziativa Charta 77. All’incontro parteciperanno il curatore del libro, Francesco Tava, il filosofo e sociologo ceco Václav Bělohradský, allievo di Patočka, e il prof. Amedeo Vigorelli, docente dell'Università degli Studi di Milano e direttore editoriale della collana di filosofia di Unicopli. La presentazione avrà luogo al Centro della Repubblica Ceca, in Via G. B. Morgagni 20, il 10 Maggio alle ore 19:00

Opera

L'intento di questa raccolta di testi è quello di portare alla luce un particolare aspetto del pensiero di Jan Patocka: quello filosofico-politico, rivelatosi di primaria importanza, alla luce degli avvenimenti che hanno visto coinvolto il filosofo boemo durante gli ultimi anni della sua esistenza. È proprio intorno alla vena politica del suo discorso che Patocka ha dato forma al proprio impegno, nell'esperienza del dissenso, fino alla nascita di Charta 77. La lettura dei testi che qui presentiamo consente di ripercorrere e di comprendere l'evolversi di questo impegno, articolatosi per un ventennio: dalla metà degli anni '50, fino al 1977. Ciò che emerge è un profondo senso di continuità tra la speculazione filosofica e i suoi esiti pratici; i concetti elaborati nell'ambito del pensiero di Patocka divengono vere e proprie categorie politiche, nel momento in cui si tratta di trovare la loro applicazione nelle dinamiche del contemporaneo.

 

 

 

Autore

Jan PATOČKA (Turnov 1907- Praga 1977), formatosi sotto la guida di Husserl e di Heidegger, è arrivato ad elaborare una originale interpretazione del pensiero fenomenologico. L'ambito della sua ricerca non si è, tuttavia, limitato alla sola fenomenologia, ma ha toccato la storia della filosofia antica e moderna, la filosofia della storia e, infine, la politica. Quest'ultimo interesse si è concretizzato nell'adesione al dissenso e, in particolare, a Charta 77, in qualità di portavoce.

Curatore

Francesco TAVA (Tradate 1984), si è laureato in filosofia nel 2008, all'università Vita-Salute San Raffaele di Milano. In seguito, ha conseguito un dottorato di ricerca in Filosofia della storia presso il Sum - Istituto Italiano di Scienze Umane, dedicando la propria tesi alla figura di Jan Patočka, sotto un profilo prevalentemente filosofico-politico. Al fine di sviluppare la propria ricerca, ha trascorso buona parte del 2011 presso l'Archivio Jan Patočka di Praga.

"Prostor pro růžový obraz" 1972.
Fotografia di Jan Svoboda

 





Luogo di svolgimento:

Via G.B. Morgagni 20
20129 Milano
Italia

Data

10/mag/2012 19.00

Organizzatore principale:

Centro Ceco


Ricordare l´evento
L´evento non può essere ricordato perche è già cominciato