Česká centra, Czech Centres

Česká centra / Czech centres - logo

Program

18/mag/2013 21.30 - 01/set/2013

Monumenti Ebraici in Boemia centrale a Bologna

Il Centro Culturale Ceco, in collaborazione con laProvincia della Boemia Centrale, presenta la la mostra fotografica “Monumenti ebraici in Boemia centrale”, dedicata a luoghi e città dove la cultura ebraica, più significativamente, ha lasciato un’eredità storica indelebile. All’inaugurazione saranno presenti i rappresentanti della Provincia di Praga. La mostra sarà inaugurata presso il Museo Ebraico di Bologna, Via Valdonica 1/5, il 18 Maggio alle ore 20:30 e rimane aperta fino alla fine del mese di agosto.

Sin da epoca medioevale la cultura ceca è stata strettamente legata a quella ebraica lasciando notevoli testimonianze in vari campi artistici: Franz Kafka, per citarne una, fu uno scrittore boemo di origine ebraica, figura fondamentale della cultura ceca pur scrivendo in tedesco. Non trascurabile l’impronta lasciata da Max Brod, amico e biografo di F. Kafka, al quale si deve la totale conservazione delle opere dello scrittore boemo e, al tempo stesso, la diffusione della cultura ceca avendo fatto conoscere le opere del compositore Leoš Janáček e dello scrittore Jaroslav Hašek. Ultimi, non certo per importanza, artisti come il poeta Jiří Langer e il compositore Pavel Haas, morto nel campo di concentramento di Auschwitz.

Fu soprattutto l’ambito popolare a essere influenzato dalla cultura ebraica: numerose sono le leggende che ancora oggi permangono nella cultura boema come l’oscura figura del Golem, ripresa dallo scrittore Gustav Meyrink e le misteriose statue d’argilla che si favoleggia siano nella soffitta della sinagoga Staronova. La presenza della cultura ebraica è testimoniata non solo a Praga, ma anche in altre aree, tra cui la Boemia Centrale (Středočeský kraj). Quest'ultima racchiude luoghi interessanti tra cui Kutná Hora con il suo Ossario di Sedlec, e i castelli di Karlštejn, di Křivoklat e di Konopište, dimora di Francesco Ferdinando D'Asburgo d'Este.

Importanti testimonianze di comunità ebraiche nella Boemia Centrale ci pervengono sin dall’Alto Medioevo ma fu attorno al XVI-XVII secolo che queste si insediarono diffusamente, tanto da poter parlare di “via ebraica” come documentano alcune carte del XIV secolo. Sicuramente più tangibili le eredità artistiche rinascimentali, barocche e neoclassiche. Numerose sono le sinagoghe sparse per tutta la regione, così come i cimiteri, alcuni ancora in buono stato di conservazione come quelli di Zbraslavice, Mořina e Kovanice; diversi sono anche i ghetti che racchiudono edifici di grande valore artistico-culturale, molti dei quali diedero i natali ad illustri personaggi come František Zelenka, Jiři Orten e Leopold Kompert.

Le forti interrelazioni e le reciproche contaminazioni culturali , più intensamente a cavallo fra Ottocento e Novecento, furono il risultato di una convivenza secolare tra popolazione ceca ed ebrei, questi ultimi, a loro volta, influenzati dalla cultura tedesca soprattutto per il forte senso d’identità che accomunava la comunità ashkenazita con la lingua germanica.

La coesistenza dei tre gruppi dalle identità storicamente diverse ha creato le migliori condizioni per lo sviluppo della letteratura, della filosofia, della musica, dell'architettura di tutto il Paese. La reciproca influenza – interrotta dalla seconda guerra mondiale, lo sterminio degli ebrei e l'espatrio dei Tedeschi – ha creato le radici condivise di una cultura europea.

 

Luogo di svolgimento:
Museo Ebraico di Bologna, Via Valdonica 1/5
Data

Da: 18/mag/2013 21.30
A: 01/set/2013

Organizzatore principale:

Istituto Culturale Ceco è co-organizzatore dell´evento


Ricordare l´evento
L´evento non può essere ricordato perche è già cominciato