Česká centra, Czech Centres

Česká centra / Czech centres - logo

Program

06/set/2012 - 11/nov/2012

Košvanec e Firenze: La Quinta luce

L‘artista boemo Vlastimil Kosvanec è in mostra a Firenze a Palazzo Medici Riccardi in cinque “stanze” del museo. Il inguaggio figurativo di Košvanec s’inserisce nella tradizione ottocentesca francese e si allarga al Post-Impressionismo e al Simbolismo, per giungere a una sintassi che rasenta l’asprezza dell’Espressionismo e la varietà culturale mitteleuropea. La mostra rientra nel percorso museale di Palazzo Medici Riccardi (comprendente la “Cavalcata dei Magi” di Benozzo Gozzoli). Palazzo Medici Riccardi apre le porte alle opere di Vlastimil Kosvanec (Praga, 1887 - 1961) dal 6 settembre all’11 novembre 2012.

 mostra e catalogo a cura di Roberto Consolandi

Vlastimil Košvanec è un artista conosciuto a pochi, ma molto presente nelle case delle famiglie benestanti praghesi e boeme all'inizio del secolo scorso e nei decenni successivi. Durante il pieno sviluppo della Cecoslovacchia e la nascita delle prime avanguardie artistiche, nei suoi quadri Košvanec è portatore dell'estetica e della tradizione dell'ultimo Ottocento, valori a cui il pubblico dell'epoca non voleva del tutto rinunciare.
La produzione del pittore, dimenticata nel dopoguerra, rifiorisce oggi con colori belli e vivaci, agli occhi di un pubblico che ricomincia a cercarli: abbiamo bisogno di ritornare dopo quasi cento anni là, all'inizio del secolo scorso, per riappropriarci delle radici della cultura europea. Il mito della cultura mediterranea e l'eredità artistica dell'Italia costituì per gli artisti cechi di fine Ottocento una forte attrazione. Tuttora molti artisti boemi vivono e lavorano in Italia. Per l'opera di Košvanec - benché non nata qui, ma approdatavi da un altro Paese - emerge come del tutto naturale che il suo posto sia in Italia, luogo a cui l’artista guardava con tanto interesse. 
            Il professor Consolandi nella sua approfondita introduzione all'opera di Košvanec analizza  dettagliatamente gli aspetti mitologici e storici del pittore così come l’epoca in cui ha vissuto. Numerosi sono i riferimenti: il mondo del compositore ceco  Antonín Dvorak, le tracce documentate dell'interesse per l'Italia (Milano e Brescia) dello scrittore Franz Kafka, i documenti comprovanti i contatti di Gabriele D'Annunzio con la Boemia.
Le regioni dell’Europa, come le percepiamo oggi, hanno sempre nutrito un profondo interesse per la cultura dei loro vicini, ma fa particolarmente piacere che l'opera di un artista quale Vlastimil Košvanec sia di nuovo considerata: mito, sogno, bellezza.

 

Luogo di svolgimento:
Palazzo Medici Riccardi
Data

Da: 06/set/2012
A: 11/nov/2012

Organizzatore principale:

Istituto Culturale Ceco è co-organizzatore dell´evento


Ricordare l´evento
L´evento non può essere ricordato perche è già cominciato