Česká centra, Czech Centres

Česká centra / Czech centres - logo

Program

05/nov/2014

Seminario internazionale e presentazione delle Opere di Jaroslav Hašek a Roma

In occasione della nuova pubblicazione in italiano del romanzo dello scrittore ceco Jaroslav Hašek da parte della prestigiosa casa editrice italiana Mondadori, si terrà a Roma una presentazione - seminario dedicata al lavoro di Jaroslav Hašek e al suo famoso protagonista, il soldato Švejk. Insieme al seminario, che si terrà mercoledì 5 novembre dalle ore 09.30 presso l'Università La Sapienza di Roma, si svolgerà anche la lettura pubblica di un brano tratto dalla nuova traduzione italiana del romanzo "Le avventure del bravo soldato Švejk nella Grande Guerra", a cura di Paolo Fagiolo. Per quest'ultima, l'appuntamento sarà alle ore 18.00 al Caffè Letterario di via Ostiense 83 a Roma, sempre mercoledì 5 novembre.

L'evento è stato organizzato dall'Università La Sapienza, in particolare dalla Biblioteca di Slavistica sotto la guida della prof.ssa Annalisa Cosentino, in collaborazione con il Centro Ceco e l'Ambasciata della Repubblica Ceca a Roma.

Affermato autore di racconti umoristici e giornalista, Jaroslav Hašek (1883-1923) deve la sua notorietà internazionale soprattutto al romanzo satirico Le avventure del bravo soldato Švejk nella Grande Guerra (1921-1923), capolavoro tradotto in tutto il mondo. Personaggio eccentrico, anarchico, assiduo frequentatore delle osterie praghesi, con i suoi atteggiamenti provocatori Hašek finisce spesso in difficoltà, senza soldi e senza fissa dimora, e talvolta addirittura in prigione. Partito nel 1915 per la guerra, viene fatto prigioniero dai russi, e all'indomani della Rivoluzione entra nell‘Armata Rossa. Nel dicembre del 1920 rientra a Praga, dove trova impossibile inserirsi in un ambiente culturale profondamente mutato; si ritira quindi in provincia a scrivere il suo capolavoro. Muore il 3 gennaio 1923, non ancora quarantenne, senza aver portato a termine il grande romanzo.

L'edizione nella collana I Meridiani giunge non a caso in libreria nel centenario dello scoppio della Prima Guerra Mondiale; oltre a documentare l'intensa e variegata attività letteraria di Hašek, il volume si apre infatti con Le avventure del bravo soldato Švejk nella Grande Guerra, capolavoro della letteratura parodistica e umoristica ceca e grande classico della letteratura europea del Novecento. Segue una selezione di racconti, i risultati più alti della produzione haškiana nel ventennio 1902-22. Una terza sezione comprende un piccolo campione di versi giovanili, brani di cronaca giornalistica locale e due pezzi teatrali di cui Hašek è coautore. Le due sezioni, costituite in gran parte di testi mai tradotti prima in italiano, contribuiscono a illustrare l'evoluzione della figura del soldato Švejk fino al suo approdo nel romanzo e documentano tutte le componenti della poetica di Hašek.

La curatela è firmata da Annalisa Cosentino, docente di Lingua e Letteratura ceca alla Sapienza di Roma; il cospicuo apparato di note propone un puntuale commento non solo storico-culturale ma anche topografico e toponomastico del testo; la cronologia ricostruisce attentamente l'accidentato percorso biografico dello scrittore. La nuova traduzione, sempre della Cosentino fatta eccezione per alcuni racconti tradotti da Sergio Corduas, rende efficacemente non solo la divertente colloquialità e la grottesca brutalità dei testi originali, ma anche il loro caratteristico plurilinguismo, consentendo di gustare appieno le peculiarità espressive della prosa haškiana.

L'inserto iconografico presenta alcuni volti del bravo soldato Švejk: non solo il più noto, quello disegnato da Josef Lada, ma anche il primo, realizzato da Karel Stroff; propone inoltre le tavole predisposte da George Grosz per la messa in scena berlinese del romanzo realizzata nel 1928 da Erwin Piscator.

 

Luogo di svolgimento:
Caffè Letterario, Via Ostiense 83
Data

05/nov/2014

Organizzatore principale:

Istituto Culturale Ceco è co-organizzatore dell´evento


Ricordare l´evento
L´evento non può essere ricordato perche è già cominciato