Česká centra, Czech Centres

Česká centra / Czech centres - logo

Program

15/feb/2018

Presentazione del libro „Alfons Mucha - L’artista e il suo tempo“

Siamo lieti di invitarvi alla presentazione della prima traduzione italiana della biografia di grande artista ceco Alfons Mucha. La presentazione del libro intitolato „Alfons Mucha - L’artista e il suo tempo“ (Schena editore 2017) di cui autore è Jiří Mucha, si terrà giovedì 15 febbraio 2018 alle ore 18:30 presso il Centro Ceco - via Morgagni, 20 Milano. Interverranno dott.ssa Micaela Mander, storica dell'arte, scrittrice, e dott.ssa Tiziana Menotti, mediatrice culturale e traduttrice del testo.

 

Nel 1969 viene pubblicata in Cecoslovacchia la prima edizione della biografia di Alfons Mucha, scritta dal figlio Jiří. Il titolo è accattivante e curioso: “Can can con l’aureola”, sostituito in seguito da un semplice e succinto “Alfons Mucha”. Considerare l‘opera unicamente un testo biografico del famoso pittore sarebbe alquanto riduttivo. Il libro, infatti, non solo ne ripercorre la vita dalla nascita a Ivančice alla morte avvenuta a Praga dopo un interrogatorio della Gestapo il 14 luglio 1939, ma fornisce al lettore uno spaccato dell’epoca a cavallo tra il XIX e il XX secolo, di grande valore storico e culturale. Le capitali della cultura del tempo, come Vienna, Monaco, Praga, New York, ma soprattutto Parigi, la “Ville Lumière” dell’Esposizione Universale del 1900, offrono allo scrittore non solo la possibilità di raccontare l’escalation artistica e sociale di Alfons Mucha, l’evoluzione del suo stile e del suo pensiero, ma di presentare al lettore un’immagine per certi versi inedita dell’ Europa e dell’America in un’epoca di grandi mutamenti storico-politici, sociali e culturali spesso drammatici. Nel corso degli anni l’autore, narratore onnisciente che racconta, indaga, valuta e ricorda con accuratezza e scrupolosità, rivisita il libro attualizzandolo per mezzo di articoli di nuova pubblicazione, libri, cataloghi, notizie inedite, approdando negli anni ’80 alla versione definitiva: un testo narrativo coinvolgente, dallo stile sobrio ed elegante, che, attraverso una descrittività quasi pittorica e una squisita raffinatezza espressiva, offre l’immagine vera di un uomo e del suo tempo.

Jiri Mucha nasce a Praga nel 1915. Figlio di Alfons Mucha e di Marie Chytilová, trascorre la maggior parte dell’infanzia nel castello di Zbiroh in Boemia e all’estero, soprattutto negli Stati Uniti, dove il padre si trasferisce per alcuni anni assieme alla famiglia. Dopo la maturità ginnasiale nel 1934, si iscrive alla Facoltà di Medicina, dapprima a Praga, poi alla Sorbona di Parigi, ma non conclude gli studi. Ritornato in Cecoslovacchia, si dedica allo studio della storia dell’arte e all’orientalistica presso la Facoltà di Lettere di Praga. Nel 1939, dopo l’invasione nazista della Cecoslovacchia, fugge in Francia, quindi in Inghilterra, dove si unisce alla Resistenza e lavora come giornalista presso la BBC. Viene inviato in Nord Africa, in Medio Oriente e in Asia come corrispondente di guerra. Nel 1951, dopo il colpo di stato comunista in Cecoslovacchia, viene arrestato, processato per spionaggio e condannato ai lavori forzati nelle miniere di uranio di Jáchymov. Liberato nel 1955, prosegue la sua attività di scrittore, iniziata già in giovane età. Dotato di notevole talento letterario, scrive soprattutto romanzi e testi di ispirazione autobiografica; si dedica inoltre alla traduzione, alla cinematografia e alla documentaristica. Muore a Praga nel 1991.

 

Luogo di svolgimento:

Via G.B. Morgagni 20
20129 Milano
Italia

Data

15/feb/2018

Organizzatore principale:

Centro Ceco


Ricordare l´evento
L´evento non può essere ricordato perche è già cominciato