Česká centra, Czech Centres

Česká centra / Czech centres - logo

Program

27/gen/2018

La proiezione „Všichni dobří rodáci“ (Cronaca Morava) a Roma

Con piacere vi invitiamo alla proiezione di film ceco „Všichni dobří rodáci“ (Cronaca Morava) organizzata dall'Associazione Praga a Roma in collaborazione con il Centro Ceco. „Cronaca Morava“ è un film di genere commedia/drammatico del 1968, diretto da Vojtech Jasný, con Vlastimil Brodský e Radoslav Brzobohatý che si concentra sulle vicende di alcuni abitanti di un villaggio della Moravia. Sette amici che il tempo e i cambiamenti sociali e individuali separeranno si trovano un punto in comune sulla discussione politica proprio nel momento in cui l'invasione russa è alle porte. Il film verrà proiettato 27.1.2018 a Roma, presso Pontificio Collegio S. Giovanni Nepomuceno (Via Concordia, 1) alle ore 14.00. Film sarà proiettato in ceco con sottotitoli in italiano a cura del lettorato di lingua ceca Università "L'Orientale" di Napoli.

Vojtěch Jasný

Nato nel 1925 a Kelč, in Moravia, Vojtěch Jasný è uno di quei cineasti cecoslovacchi attivi tra gli anni Cinquanta e Sessanta che il tempo ha relegato a un angolo della memoria cinefila. Diplomatosi alla Famu di Praga nel 1951 (al pari della pressoché totalità dei suoi colleghi, coetanei e di generazioni successive), si dedica inizialmente a una serie di lavori firmati insieme all’amico Karel Kachyna, con cui realizza il saggio di diploma Není stále zamračeno. I due continueranno a collaborare sino al 1954, girando otto documentari, per poi realizzare nel 1955 un lavoro integralmente di finzione, Dnes večer všechno skončí. Il primo lungometraggio di Jasný “in solitaria” è invece Zářijové noc (1956), adattamento di una pièce teatrale di Pavel Kohout con al centro il delicato tema del mondo dell’esercito, che viene – nemmeno troppo sottilmente – satireggiato.

Primo tra i film di Jasný a vincere un premio (seppure minore) al Festival di Cannes, Touha è una significativa anticipazione dei temi e delle scelte stilistiche di Všichni dobří rodáci, internazionalmente noto come Tutti i miei compatrioti (o Tutti i miei buoni compatrioti) e conosciuto in Italia con il titolo di Cronaca morava, che il regista girerà nel 1968.

Basata su alcuni ricordi della madre di Jasný, è un’opera la cui gestazione durerà più di un decennio. La prima stesura della sceneggiatura risale infatti al 1956, ma la pellicola entrerà in produzione solo dieci anni dopo. Il regista dichiarerà di aver ricevuto il via libera alla realizzazione da Alexander Dubček in persona, che nel gennaio del 1968 prenderà il posto di Antonín Novotný alla guida del PCC, il Partito Comunista di Cecoslovacchia, dando vita alla breve ma fondamentale esperienza della Primavera di Praga. Grande successo nelle sale cecoslovacche sul finire del 1968 e vincitore della Palma d’Oro per la Miglior Regia al Festival di Cannes del 1969, Všichni dobří rodáci è ambientato tra il maggio 1945 e l’estate 1957, con un epilogo nel 1968. Il film si concentra sulle vicende di alcuni abitanti di un villaggio della Moravia, sette amici che il tempo e i cambiamenti sociali e individuali separeranno: il sarto Franta, detto “Lampa”, Joza Trňa il muratore, l’organista Očenáš, Bertin il postino, František il contadino, e ancora Jakek Fafka e Jořka Pyřk, detto “Lithpy”.

 

 

Luogo di svolgimento:
Pontificio Collegio S. Giovanni Nepomuceno (Via Concordia, 1) Roma
Data

27/gen/2018

Organizzatore principale:

Istituto Culturale Ceco è co-organizzatore dell´evento


Ricordare l´evento
L´evento non può essere ricordato perche è già cominciato