Česká centra, Czech Centres

Česká centra / Czech centres - logo

Program

18/giu/2020 18.00 - 19.00

La cultura in quarantena: presentazione on-line dei libri “In qualcosa dovremo pur somigliarci” e “Con Bata nella giungla” con Markéta Pilátová

Il settimo autore che farà parte della nostra Cultura in quarantena è scrittrice Markéta Pilátová. La presentazione si svolgerà giovedì 18 giugno alle 18:00 sulla pagina facebook del Centro Ceco di Milano.

L'intervista con l'autrice sarà tenuta dalla direttrice del Centro Ceco di Milano, Simona Calboli, e dal traduttore e professore universitario dell'Università di Padova, Alessandro Catalano, che tradurrà l’intervento dell’autore dal ceco all'italiano. Sarà presente anche Alessandro de Vito, direttore di Miraggi Edizioni.

Markéta Pilátová (*1973 Kroměříž) è scrittrice, ispanista e giornalista. Alla Facoltà di Lettere dell’Università di Palacký a Olomouc ha studiato il latino e poi i linguaggi romanzi e la storia. Quando si è laureata, ha lavorato come assistente e poi ha insegnato a Granada in Spagna. Dopo il suo ritorno è stata redattrice capo della sezione estera della rivista Respekt per due anni. Ha viaggiato in Brasile e in Argentina.

Il suo romanzo “Žluté oči vedou domů” (In qualcosa dovremo pur somigliarci, 2018, Atmosphere Libri, trad. Laura Angeloni) ha ricevuto la nomination ai prestigiosi premi letterari Magnesia Litera e Premio Josef Škvorecký ed è stato tradotto in diverse lingue.

“Due ragazze e due donne anziane si trovano in una situazione in cui ricominciano da capo - in Brasile e a Praga. Cercano di approfondire il modo in cui la storia ha giocato con le loro vite e i loro amori. Può avere il carattere di lettere, attraversando segretamente l'oceano, ma anche di avventure da cowboy nella giungla. Il romanzo racconta la storia delle emozioni e dei sentimenti degli emigrati, che ritornano nel luogo che hanno lasciato, della confusione dei loro figli e del potere curativo della nuova amicizia. I protagonisti del romanzo vivono nel deserto della grande città, mandrie di tori su prati circondati dalla giungla e stanno cercando di trovare le loro radici nella repubblica ceca. Ricostruiscono come i loro antenati sono fuggiti e anche come loro sono fuggite. Il libro affronta la domanda se al giorno d'oggi, quando uno così facilmente può passare da un paese all'altro, è ancora importante avere una casa e una persona che sia in grado di ascoltare.” - testo ufficiale del distributore

Nel mese di gennaio 2020 la casa editrice Miraggi Edizioni nella sua edizione “Nová Vlna” ha pubblicato la traduzione italiana del volume “S Baťou v džungli” (Con Bata nella giungla), che Alessandro De Vito aveva tradotto. Il romanzo sulla vita in esilio involontario nella ricerca della giustizia di Jan Antonín Baťa, che nell’era del comunismo è stato costretto ad abitare nella giungla brasiliana. Nella giungla ha costruito quattro città. Mentre Pilátová scriveva il libro, ha conosciuto un nipote di Baťa - Dolores Bata Arambasic, che le ha fornito vari documenti di famiglia, comprese anche le lettere e le fotografie. È nato così il romanzo realistico pieno delle confessioni dei personaggi, che erano importanti nella vita del calzolaio.

 

Foto: Adam Kebrt

 

Luogo di svolgimento:
Data

18/giu/2020 18.00 - 19.00

Organizzatore principale:

Centro Ceco


Ricordare l´evento
L´evento non può essere ricordato perche è già cominciato