Česká centra, Czech Centres

Česká centra / Czech centres - logo

News

Uscita del nuovo libro di Jáchym Topol: L'officina del diavolo

Istituto di Cultura Ceca ha il piacere di segnalarvi l'uscita del nuovo libro di Jáchym Topol di casa editrice ZANDONAI prevista per il 27 gennaio 2012. Il libro è stato tradotto da Letizia Kostner. Jáchym Topol (1962) è tra i più conosciuti e apprezzati autori cechi contemporanei. Giovanissimo firmatario di Charta 77, dissidente più volte arrestato e figura di spicco dell’underground praghese negli anni ottanta, ha scritto opere di narrativa, poesie e testi di canzoni. Il suo ultimo romanzo tradotto in italiano è Artisti e animali del circo socialista (Einaudi, 2011).

Trasformare la memoria collettiva in un gigantesco business, rendere alcuni luoghi simbolo dei crimini perpetrati dai regimi totalitari del Novecento tra le più appetibili mete del turismo di massa, ridurre la testimonianza dei sopravvissuti a puro artificio museale e la verità storica a kitsch commemorativo: un’ipotesi futuristica o un disegno già in atto in Europa orientale?
È uno dei più inquietanti interrogativi che pone l’ultimo, appassionante romanzo di Topol, maestro del grottesco e unanimemente considerato l’erede di Hrabal. Il protagonista, un anonimo io-narrante ingenuo e romantico, è tra i fondatori di una comunità hippy che si propone di custodire, sfruttandola a fini commerciali, la memoria del campo di concentramento di Terezín, e accogliere turisti occidentali, perlopiù giovani globetrotter sulle tracce dei propri nonni passati per il camino. In seguito allo smantellamento del centro autogestito, egli si trasferisce in Bielorussia, dove in gran segreto un gruppo di oppositori al governo sta realizzando un progetto simile. Ad accoglierlo, tra i resti di un villaggio dove nazisti e sovietici compirono eccidi, un trip orrorifico che si snoda tra bunker, camere di tortura e fosse comuni, un agghiacciante spettacolo di vittime mummificate e morti parlanti, e la consapevolezza che alla curiosità morbosa, consumistica e superficiale degli occidentali fa da controcanto, a Est, una vera e propria congiura del silenzio.